Prima abbronzatura: consigli per una pelle splendida

Prima abbronzatura: consigli per una pelle splendida

Primo sole, prima abbronzatura: tutti fuori per godere luce e calore della bella stagione!

Sole e abbronzatura: strumento di bellezza e non di invecchiamento

Con semplici accorgimenti puoi avere pelle e capelli splendidi. La pelle in particolare necessita la giusta protezione, per prevenire irritazioni e stati di sofferenza del derma, che accelerano il naturale processo d’invecchiamento cellulare.
La prevenzione è lo strumento più efficace in assoluto per un aspetto sano e bello.

Iniziare da subito con una protezione solare +50 è fondamentale per preparare la base di un’abbronzatura sana e duratura.
In primavera, quando il sole ci coglie all’improvviso e la pelle è più impreparata, è fondamentale uno schermo potente, da diminuire successivamente.

Tre passi per un incarnato roseo, segno di bellezza e salute

Abbronzatura da favola: in breve, ecco come godere dei benefici effetti del sole sull’organismo fin da subito, senza danneggiare la pelle!
1 – fai almeno 1-2 scrub di pulizia di preparazione del derma
2 – inizia ad esporti all’aria aperta con una protezione con un LATTE SOLARE+50
3 – quando sarai un po’ più colorita, passa a LATTE SOLARE +20 e poi scendi gradatamente fattore di protezione, in base al tuo tipo di pelle

D’altronde le statistiche parlano chiaro: la comparsa di melanoma  negli ultimi anni sembra sia in costante aumento rispetto alla crescita registrata per tutti gli altri tipi di tumori maligni.
Il melanoma cutaneo è, in particolare, decine di volte più frequente nei soggetti di ceppo europeo (caucasici) rispetto alle altre etnie.
Dunque lavora sulla prevenzione, evitando di esporti nelle ore più calde, usando la giusta protezione e…. goditi serenamente l’energizzante luce del sole!

Anna Orazi Parrucchieri Wellness
via Roma 168, 62100 Macerata
0733 30363
 AnnaOraziWellness   orazi.anna

Fonti
https://www.ospedalesantandrea.it / Azienda Ospedaliere Sant’Andrea – Roma
http://www.epicentro.iss.it / Il portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica, a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell’Istituto superiore di sanità 

Effetti del sole sulla pelle: tumori, macchie ed eritemi cutanei sempre in agguato!

Effetti del sole sulla pelle: tumori, macchie ed eritemi cutanei sempre in agguato!

Effetti del sole sulla pelle: tumori, macchie ed eritemi cutanei sempre in agguato!

Il sole fa bene o male? È la domanda che ogni anno ci ritorna in mente all’approssimarsi della bella stagione, per questo proviamo a dare qualche risposta in modo da affrontare la questione con più consapevolezza, per evitare appunto quei problemi ed effetti del sole sulla pelle poco desiderati!

Il sole ovviamente fa bene è ed anche un potente antidepressivo naturale, ci aiuta ad apportare ottimi livelli di vitamina D, importantissima per il nostro organismo, questa vitamina si sintetizza con circa 20/25 minuti di esposizione solare, quindi sì, il sole fa bene ma … appunto, c’è un “ma” che è indice di cautela, come per tutte le cose non bisogna esagerare.

Quando il sole fa male

Il sole fa male nel momento in cui non prestiamo un’attenzione adeguata alla nostra esposizione solare, da qui le conseguenze possono essere nefaste e spesso irreparabili.

I problemi si manifestano colpendo in vari modi la nostra pelle e gli occhi:

  • Forse il più comune dei problemi sono le macchie, queste poi rimangono ben visibili e spesso non sono facile da eliminare.
  • Diverso invece quando sono gli eritemi cutanei a colpire la nostra pelle, si manifestano con rossore, sensazione di calore e spesso prurito, nei casi più gravi di esposizioni scellerate si possono formare bolle che provocano molto dolore.
  • I tumori della pelle si evidenziano in varie forme e pericolosità, compreso il melanoma generalmente forma più aggressiva e pericolosa delle altre.
  • Esagerare con il sole porta spesso problemi alla vista come la cataratta e tumore al bulbo oculare, per questo si consiglia di usare gli occhiali almeno nei primi giorni in spiaggia e sotto l’ombrellone.

I danni provocati dal sole hanno quindi vari livelli, dalla banale macchia al tumore che può avere conseguenze drammatiche, ovviamente la pericolosità si differenzia anche da persona a persona, esempio i soggetti con pelle, capelli e occhi chiari sono molto più a rischio di altri.

Vademecum per evitare gli effetti del sole sulla pelle

Il sole abbiamo detto fa bene, ma occorre seguire delle regole precise altrimenti il rischio è sempre in agguato:

  • Per i primi giorni si consiglia di stare al sole pochi minuti, diciamo da 30 a 60 minuti massimo per i soggetti con pelle scura, spalmandosi prima una crema con protezione almeno 50.
  • In seguito quando la pelle inizia a colorire, si potrà prolungare l’esposizione al sole, fino a raddoppiarla in circa una settimana.
  • Dopo un paio di settimane si potrà passare a una protezione più bassa, sempre che la pelle nel frattempo non mostri segni di scottature ma solo un’uniforme abbronzatura.

È necessario dare tempo alla pelle di adeguarsi al “bombardamento” solare, in seguito si potrà stare al sole più a lungo ma sempre senza strafare, i pericoli sono sempre incombenti, mai arrivare al punto di scottarsi, perché questo significherebbe che abbiamo superato il limite di tolleranza.

Meglio un giorno in più per avere una pelle colorita piuttosto che rischiare davvero tanto, il sole fa bene, così come l’acqua ma non per questo affoghiamo!

WhatsApp chat